Lussazione del piede

Molto spesso, una lussazione del piede nella vita di tutti i giorni è chiamata gamba nascosta. Ma nel referto medico, il medico scriverà una formulazione più sofisticata: “lesione all’apparato capsula-legamentoso della regione dell’articolazione della caviglia”. Si ritiene che questo tipo di dislocazione si verifichi più spesso con le persone. Quasi una visita su cinque al pronto soccorso. La spiegazione è semplice: l’intero peso corporeo viene applicato alla caviglia.

Gli atleti non sono gli unici a soffrire di lussazione dei piedi. Se inciampi mentre corri o cammini, metti il ​​piede senza successo, inciampi e cadi o atterri senza successo dopo un salto: tutta questa attività porta a lesioni. In inverno, quando inizia il ghiaccio, il numero di visite con un tale disturbo aumenta nei pronto soccorso. Ed è anche una delle dislocazioni più comuni tra le fashioniste: la colpa è di un tacco a spillo alto o di un tacco alto.

I sintomi di un piede lussato

La prima cosa che il paziente noterà con una lussazione è il dolore quando prova a calpestare il terreno. Se, oltre alla lussazione, anche i legamenti della caviglia sono stati strappati, non sarà affatto in grado di camminare da solo. Inoltre, il piede inizia a “camminare” in direzioni diverse – questo, a sua volta, può portare a nuove lesioni.

Un altro sintomo di un piede lussato è il gonfiore. Sarà visivamente evidente. La caviglia inizierà a gonfiarsi a causa di problemi circolatori. Possono apparire lividi – lividi.

Trattamento del piede lussato

Dovrebbe essere eseguito da uno specialista. L’automedicazione per un tale infortunio è inaccettabile – questo può portare a complicazioni.
Diagnostica
Prima di tutto, il medico esegue un esame visivo: dall’aspetto dell’arto, può essere preliminarmente diagnosticata una lussazione. Quindi il traumatologo cerca di toccare la caviglia: con una mano porta la parte inferiore della gamba più in alto e con l’altra cerca di cambiare la posizione del piede. Esegue la stessa manipolazione con una gamba sana e confronta l’ampiezza.

Successivamente, la vittima viene inviata per un ulteriore esame. Può trattarsi di raggi X, ultrasuoni, tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI). Inoltre, l’ecografia viene eseguita per valutare le condizioni dei legamenti. La frattura non è visibile sullo schermo, quindi è ancora necessaria la radiografia in due proiezioni.

Metodi moderni di trattamento

I medici mettono in guardia contro l’automedicazione. Non c’è bisogno di aspettare e pensare che la gamba si guarirà da sola nel tempo: tutto potrebbe finire con la disabilità. Traumatologia del contatto. Non è necessario aver paura dell’operazione, i moderni metodi di trattamento della lussazione del piede consentono di correggere la lussazione senza intervento chirurgico.

Dopo che il piede è stato riposizionato, viene applicata una stecca in gesso al paziente – deve essere indossata per i primi 14 giorni. Quindi viene rimosso e sostituito con un’ortesi speciale: questa è una benda che può essere rimossa per le procedure e quindi indossata.

I traumatologi di solito prescrivono antinfiammatori e fisioterapia. Questo include la terapia a microonde (o microonde) – sì, proprio come un elettrodomestico! C’è anche la magnetoterapia.
È importante indossare scarpe di qualità per i prossimi sei mesi dopo un infortunio. Lo stivale deve fissare con cura il giunto. All’interno, dovresti ordinare una soletta ortopedica. Un punto importante: i traumatologi consigliano che le scarpe abbiano un tacco basso di 1 – 2 cm.

Se si verifica una rottura del legamento durante la lussazione del piede, è necessario un intervento chirurgico alla caviglia. Il chirurgo sutura il tessuto danneggiato. Tuttavia, non è necessario tagliare il piede. Si praticano le punture e si inserisce un artroscopio. Questo è un minuscolo filo, alla fine del quale c’è una fotocamera e una torcia: consentono al medico di vedere l’immagine dall’interno ed eseguire procedure chirurgiche. Il recupero richiede fino a 3 settimane. Questo è poco tempo.

Se non c’è un artroscopio o il medico per qualche altro motivo prescrive un’operazione tradizionale, viene eseguita non prima di 1,5 mesi dopo l’infortunio, quando il gonfiore e l’infiammazione scompaiono. Dopo l’intervento chirurgico, il recupero richiede altri 1,5 – 2 mesi.

Prevenzione della lussazione del piede

Le persone della vecchia generazione sono a rischio a causa della lussazione del piede. È più probabile che inciampino o facciano un movimento avventato. Inoltre, i legamenti muscolari a questa età sono meno elastici e le ossa sono più fragili. Pertanto, si dovrebbe usare cautela. In parole povere: guarda sotto i piedi e non fare movimenti bruschi.

Per tutti gli altri, il medico raccomanda la terapia fisica, nonché esercizi per rafforzare i muscoli e i legamenti della caviglia.

Come fornire il primo soccorso per un piede lussato?

Prima di tutto, è necessario garantire il resto dell’arto ferito. Fai sedere la vittima, aprila. Il ghiaccio o l’acqua fredda possono aiutare a ridurre l’infiammazione e il gonfiore versando del liquido in una bottiglia o bagnando un pezzo di stoffa.

È possibile utilizzare unguenti per alleviare il dolore, ma assicurarsi che non si riscaldino. Altrimenti, il gonfiore peggiorerà solo.

Prova ad applicare una benda stretta per mantenere il piede ad angolo retto rispetto alla parte inferiore della gamba. Se vedi che il piede si è raffreddato e ha iniziato a diventare bianco, significa che hai stretto troppo forte – il flusso sanguigno è stato disturbato. Non lasciare la benda per più di 2 ore. In teoria, durante questo periodo dovresti essere al pronto soccorso.

Come distinguere un piede lussato da una distorsione e una frattura?

Dovrebbe essere un dottore. Con una frattura, il dolore disturberà sia quando provi a muovere i piedi, sia a riposo. La vittima non sarà in grado di muovere le dita dei piedi.

Nella caviglia, puoi vedere l’osso sporgente. Se la frattura è grave, l’arto quasi penzolerà.

Quanto dura la riabilitazione per un piede lussato?

Dipende se hai fatto l’operazione e in che modo: aperta o chiusa. Se il traumatologo ha deciso che non c’è rottura del legamento e non è necessario alcun intervento, la riabilitazione richiederà fino a 2,5 mesi. Inoltre, quando il cerotto viene rimosso, il dolore può ripresentarsi per qualche tempo. Dopotutto, il carico sul piede aumenterà.

I traumatologi consigliano in questo caso di fare bagni con brodo di conifere o sale marino. L’acqua deve essere calda, ma non bollente. Vale anche la pena trovare un complesso di movimenti di massaggio, che è sufficiente eseguire dopo il risveglio e prima di andare a letto. Se non sei sicuro di te stesso, contatta un terapista della riabilitazione.